Parodontologia

La parodontologia studia i tessuti del parodonto (peri = attorno; odons = dente) e le patologie ad esso correlate. Si occupa quindi dell’insieme dei tessuti molli (il legamento parodontale e la gengiva) e duri (cemento radicolare e osso alveolare) che circondano il dente  assicurandone la stabilità.

L’obietivo della parodontologia è quello di diagnosticare e trattare precocemente le parodontiti (un tempo definite con il termine generico di piorrea), ovvero le infezioni di origine batterica che interessano i tessuti di sostegno dei denti.
Causate da batteri patogeni specifici, favorite da fattori ambientali dell’ospite (fumo, diabete, familiarità)e da predisposizione genetica, le parodontiti si differenziano per l’aggressività e la rapidità con cui si manifestano e vengono classificate in base alla progressione delle lesioni. I tessuti interessati , infatti, subiscono un danno che, a parità di stimolo, può essere diverso da individuo ad individuo in relazione alla differente risposta immunitaria evocata.

L’esordio delle parodontiti è, nella stragrande maggioranza dei casi, subclinico: scarsi o assenti sintomi specifici e assenza di dolore; compare ad un certo punto una gengivite che si palesa con sanguinamento spontaneo o stimolato (spazzolamento) delle gengive. La gengivite è una manifestazione assolutamente reversibile nelle sue fasi iniziali ma se non precocemente intercettata evolve in parodontite, caratterizzata invece dalla distruzione irreversibile dei tessuti di supporto.
Più preoccupanti sono i sintomi tardivi: recessione dei tessuti gengivali, comparsa di mobilità e migrazione dei denti, ascessi gengivali, alitosi, etc.

La diagnosi deve essere tempestiva e precoce, per questo nel nostro studio eseguiamo uno screening parodontale (PSR) su tutti i pazienti sopra i vent’anni che ripetiamo ad ogni controllo annuale anche in assenza di segni clinici.
Qualora lo screening risulti positivo procediamo ad una approfondita valutazione parodontale con mappatura dei siti infetti e raccolta di documentazione fotografica e radiografica.
La terapia si articola in tre fasi principali:

  1. terapia causale non chirurgica: ha l’obiettivo di rimuovere tutti i fattori causali e predisponenti;
  2. terapia chirurgica: ha l’obiettivo di correggere i difetti provocati dalla malattia;
  3. terapia di mantenimento: ha l’obiettivo di preservare il nuovo stato di salute e limitare il rischio di recidiva.

Negli ultimi 10 anni il dottor Nicola Centra ha frequentato i migliori master di chirurgia parodontale perfezionando anche le più recenti tecniche; oggi esegue quotidianamente in studio le tre branche in cui si suddivide la chirurgia parodontale, anche avvalendosi di microscopio intraoperatorio e strumenti minimamente invasivi:

  1. chirurgia muco gengivale, per la ricopertura delle recessioni gengivale;
  2. chirurgia resettiva, per l’eliminazione chirurgica dei difetti ossei;
  3. chirurgia rigenerativa, per la riparazione e la rigenerazione di nuovo osso.

Per ulteriori approfondimenti sulla eziopatogenesi della malattia parodontale scarica il PDF.